Scacchisti Ciechi Italiani

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come giocano i disabili visivi





Come giocano i disabili visivi
Lo scacchista non vedente ed ipovedente per poter giocare (nei tornei e nelle amichevoli) utilizza la propria attrezzatura, che non si discosta molto da quella utilizzata dai vedenti.

Scacchiera
La scacchiera utilizzata dai non vedenti e dagli ipovedenti, è relativamente piccola (20x20 cm). Queste sono le misure standard, ma è comunque possibile giocare con scacchiere di dimensioni maggiori. La scelta di utilizzare la scacchiera 20x20 è dettata dalla necessità di poterla toccare con entrambe le mani, ed avere una visione globale della posizione. Ogni casa della scacchiera è forata; inoltre, le case nere sono sopraelevate di qualche millimetro rispetto alle bianche.

Pezzi
Tutti i pezzi sono dotati di un perno, in modo da poterli infilare nei fori delle case. I pezzi neri si distinguono da quelli bianchi mediante un chiodino (di metallo o di plastica) piantato in testa al pezzo stesso.

Orologio
L'orologio è simile a quello utilizzato dai vedenti: le uniche differenze sono nella mancanza del vetro, in maniera da poter visionare tattilmente il tempo, e nella bandierina di metallo. Questo permette al giocatore di sentirla scattare (quando sbatte contro il bordo, anch'esso di metallo).

Dichiarazione
Ad ogni casa è assegnato un numero ed una lettera, sulla falsariga della battaglia navale. Ad ogni mossa il giocatore sposta il pezzo, dichiarandolo ed aggiungendo casa di partenza e casa d'arrivo (es. Cavallo da b1 a c3).

Gioco con i vedenti
Quando uno scacchista non vedente od ipovedente gioca con un vedente, di norma, si gioca con due scacchiere, salvo concordare col vedente di utilizzare solamente quella modificata. Ognuno dei due giocatori, ripete sulla propria scacchiera anche le mosse dell'avversario. Questo è l'unico accorgimento necessario per giocare nei tornei; la doppia scacchiera, infatti, permette ad entrambi i contendenti di analizzare posizione e strategia, anche quando la mossa è in mano all'avversario.


Torna ai contenuti | Torna al menu